Orario

Si riceve su appuntamento

Pelle da MITO…condrio.

Benvenuti nell’era della “pelle sana”: l’attivazione del mitocondrio, il “motore elettrico” delle cellule che potenzia ed accelera ogni trattamento dermatologico ed estetico. Basta ricaricare questi organelli cellulari, numerosi in tutte le cellule del corpo, per innesca il turbo ad ogni trattamento e cura. Vi sembra poco?

L’INTELLIGENZA DELLE CELLULE
Sapevamo già che le cellule del corpo sono più intelligenti di noi, che ci muoviamo con batterie e cavetti diversi per telefonino, tablet, portatile, telecomando, ecc…
Loro, invece, hanno deciso di utilizzare le stesse “batterie”, identiche per tutti gli organi, e di darle in dotazione già alla nascita: alcune centinaia per le cellule della pelle, migliaia per quelle del fegato e del cuore, molte di più per la retina, ma tutte identiche tra loro. E tutte loro, alimentate allo stesso modo da glucosio ed ossigeno, sono la riserva energetica utilizzabile da cuore, muscoli, cervello e pelle. Indistintamente.
Da anni la Medicina Mitocondriale ha studiato gli effetti deleteri che il malfunzionamento dei mitocondri causa: centinaia di malattie vecchie e nuove (dall’Alzheimer alla retinite, dall’epatite al diabete, dalle cardiopatie alla depressione, dalla fibromialgia all’infertilità), non ultimo l’invecchiamento cutaneo e l’insorgenza dei tumori della pelle.
Questi magici organelli, numerosi nel citoplasma di ogni cellula, sono responsabili della velocità di reazione delle stesse, della VITALITA’ CELLULARE, allo stesso modo in cui i nostri apparecchi elettrici sono più performanti con le batterie al 100%. Grazie a loro, una molecola di zucchero “bruciata” al loro interno, produce 36 volte più energia (ATP) della semplice fermentazione dello stesso, quindi possiamo paragonare i mitocondri a dei fantastici pannelli solari che producono molta più energia di quello che fanno le cellule sprovviste.

IL MITOCONDRIO E’ FEMMINA. LO SAPEVATE?
Decine di migliaia di anni fa un batterio infettò una cellula e vi rimase per sempre, in una simbiosi reciproca: la cellula proteggeva il mitocondrio, questo le dava energia.
Ma la cosa più curiosa è che da questo connubio primordiale, è nata una nuova era da cui hanno preso origine i regni animale e vegetale in tutte le loro varianti, ma tutti contraddistinti dallo stesso tipo di “batterie cellulari”: i mitocondri ereditati dalla femmina. Si, perché i mitocondri che noi abbiamo sono quelli di nostra madre, che ce li ha donati col suo ovulo, mentre quelli del papà, come i serbatoi di un missile lanciato dalla terra, si sono esauriti nel lungo viaggio dello spermatozoo e nell’esplosione che gli ha permesso di perforare la parete dell’ovulo stesso.

L’IBRIDO CELLULARE E’ COSA NOTA
Solo di recente le fabbriche automobilistiche ci hanno sensibilizzato sulla tecnologia ibrida dei motori. Bene, le nostre cellule sono ibride da sempre, con motore chimico che brucia zuccheri ed ossigeno (mitocondrio) per caricare batterie cellulari universali (ATP). Mentre il motore chimico lavora su progetti a breve e lungo termine (crescita, metabolismo, ecc…) il motore elettrico, come il telecomando, è attivo e reattivo in microsecondi, per questo più usurabile e sensibile.

LE SCOPERTE RECENTI
Ora sappiamo che i mitocondri sono responsabili non solo della vitalità corporea e del metabolismo cellulare, ma anche della longevità. Sebbene in grado di replicarsi e duplicarsi grazie ad un loro DNA circolare (identico ai batteri) in realtà non lo possono fare all’infinito e, quando alcuni di loro arrivano al limite, si autoestinguono, spegnendosi, in una forma di eutanasia biologica nota col nome di apoptosi, ovvero, suicidio della cellula. Questa forma di hara-kiri biologico non è controllabile in alcun modo, per cui è sempre più importante per la nostra salute e bellezza, mantenere i mitocondri perfettamente funzionanti.

I MITOCONDRI CUTANEI
L’organo più esposto, lo sappiamo, all’usura ed ai traumi fisici ed ambientali, è la pelle, su cui piovono quotidianamente radiazioni solari, smog, allergeni, irritanti, agenti atmosferici, ecc…
E proprio la pelle, in ordine di importanza, risiede all’ultimo posto per la nostra bio-logia (= logica della vita). Se manca Ferro (come negli anemici), i vasi cutanei si chiudono (vasocostrizione e pallore) per dirottarlo agli organi vitali, se manca calore, le dita si sacrificano per le parti più importanti, se mancano proteine o vitamine, queste si riservano al fegato e si risparmia su unghie e peli che si indeboliscono (come accade nella denutrizione).
La pelle quindi, è l’organo più colpito, il meno protetto (con pochi mitocondri) ed il peggio curato (dovendosi accontentare di quel che rimane).
Per fortuna, oggi, si è sempre più consapevoli dell’importanza di una corretta integrazione orale (e cosmetica) di vitamine ed oligoelementi, minerali rari ma fondamentali per le funzioni vitali. La Oligoterapia e la Mineralcosmesi si fondano proprio su questo: oltre ai principi attivi, fornire alla pelle anche l’energia necessaria per metabolizzarli e farli propri, grazie agli oligoelementi che attivano e rigenerano i mitocondri cutanei.

CHE FARE, ALLORA?
Iniziamo ad assumere per via orale e locale, tutto ciò che “fa bene” al mitocondrio e che, come potrete constatare, già la medicina preventiva consiglia:
Antiossidanti naturali dai cibi: polifenoli, bioflavonoidi, ecc..
Vitamine: le più note ed utilizzate sono le vitamine A, C ed E, per riparare e prevenire i danni alle membrane plasmatiche.
Oligoelementi: catalizzatori biologici, acceleratori delle reazioni metaboliche che altrimenti richiederebbero tempi troppo lunghi per essere efficaci. il Magnesio è fondamentale per la vitamina B, il Selenio per l’assorbimento della vitamina E, lo Zinco per la vitamina A.
Luce Led: la stimolazione con particolari frequenze di luce LED, in grado di ricaricare i mitocondri, come veri pannelli solari. Utile in numerose dermatiti (seborroica, atopica, psoriasi ed alopecia), contro l’invecchiamento, e nella cura di ulcere e patologie tumorali della pelle.

PER APPROFONDIRE:

– Dott. Ivo Bianchi: “La medicina mitocondriale” Mos Maiorum Editions

– Dott. Enzo Soresi: “Mitocondrio mon amour: vivere meglio e più a lungo” UTET Edizioni